Le guerre di Dadà

10,00

Dada e le sue guerre. Con mano sapiente ed amore profondo per la sua terra, l’autrice ripercorre le tappe della sua infanzia. Rie-voca gli anni della sua formazione, avvenuta in un contesto di lavoro in cui s’intrecciano memorie, racconti di famiglia, aneddoti, usi e costumi della terra visitata da Goethe, Stendhal, Dumas padre, che aveva conosciuto il massimo splendore nella seconda metà del Settecento. sorprendente e straordinario come Dada bambina soffra sulla sua pelle l’ultimo conflitto mondiale, sempre pronta ad accogliere i lati positivi di ogni situazione per uscirne pi forte e vitale che mai. Questa bambina ci d dei messaggi molto attuali: la sua guerra per vivere la sua arte nell’industria di famiglia e l’opposizione del padre che non la vuole perché femmina. Come non commuoversi di fronte alla famiglia milanese della madre che la considera di razza inferiore perché terrona. Grazie al suo dialogo con Dio e alla sua positivista Dada riesce a superare tutto, tanto da essere considerata speciale, diversa, e quindi non compresa. Rinuncia al principe azzurro perché per lei l’amore conoscenza reciproca, affinità e accoglimento totale. Certamente fu un angelo a farle incontrare ad Amalfi l’Amore, l’uomo della sua vita che aveva queste capacità.
Author: Ada De Negri
Categoria: Tag: Product ID: 1714

Descrizione

“Nevicava fitto quel giorno di dicembre ad Amalfi. Erano venti anni che non succedeva. I fotografi saranno entusiasti nel riprendere una sposa dai capelli rossi quasi tutti coperti da gelsomini freschi misti a fiocchi di neve. Il colonnato della chiesa del Duecento e il pozzo sono una cornice straordinaria. Di San Leucio non c’è solo il tessuto dell’abito, ma c’è la sposa, che sorride a quel cielo insolito di Amalfi”.

il libro

Dada e le sue guerre. Con mano sapiente ed amore profondo per la sua terra, l’autrice ripercorre le tappe della sua infanzia. Rie-voca gli anni della sua formazione, avvenuta in un contesto di lavoro in cui s’intrecciano memorie, racconti di famiglia, aneddoti, usi e costumi della terra visitata da Goethe, Stendhal, Dumas padre, che aveva conosciuto il massimo splendore nella seconda metà del Settecento. sorprendente e straordinario come Dada bambina soffra sulla sua pelle l’ultimo conflitto mondiale, sempre pronta ad accogliere i lati positivi di ogni situazione per uscirne pi forte e vitale che mai. Questa bambina ci d dei messaggi molto attuali: la sua guerra per vivere la sua arte nell’industria di famiglia e l’opposizione del padre che non la vuole perché femmina. Come non commuoversi di fronte alla famiglia milanese della madre che la considera di razza inferiore perché terrona. Grazie al suo dialogo con Dio e alla sua positivista Dada riesce a superare tutto, tanto da essere considerata speciale, diversa, e quindi non compresa. Rinuncia al principe azzurro perché per lei l’amore conoscenza reciproca, affinità e accoglimento totale. Certamente fu un angelo a farle incontrare ad Amalfi l’Amore, l’uomo della sua vita che aveva queste capacità.

l’autore

Ada De Negri nasce a San Leucio di Caserta nel palazzo Il Belvedere di Ferdinando IV di Borbone, vicino alla grande Reggia di Caserta. La famiglia De Negri, che gi aveva collaborato fin dal 1789 con il Re nell’industria tessile di preziose stoffe di seta, continua questa tradizione artistica, dopo l’unificazione del Regno d’Italia, tramandandola per molte generazioni. Dada quindi figlia darte. Con il passare del tempo si cimenta in altre forme di creatività. Tra gli anni 70 e 80 disegna per Cittone Oggi una serie di lampade scultura e nello stesso periodo crea per la Knoll Overseas due lampade per l’arredamento: la Dada Dix e la Dada Once per la linea Aulenti. Oggi Dada disegna e realizza gioielli esclusivi che richiamano i colori delle sete di San Leucio, usando le tecniche artigianali pi preziose e rare del patrimonio artistico italiano.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 14 × 21 cm
ISBN

978-88-8346-215-3

USCITA

febbraio 2008

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le guerre di Dadà”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *