Diario proibito

15,00

Un giorno qualunque, un uomo qualunque torna a casa dopo il lavoro. Quando si accorge di non sentirsi bene si mette a letto e, nella valigia che porta con sé da oltre dieci anni, scopre un diario; non si tratta, però, di un taccuino qualunque, ma di un diario proibito, scritto da lui stesso tra il 1944 e il 1945.
Un itinerario di formazione nella natia L’Aquila. Le pagine ingiallite raccontano all’uomo, ormai maturo, facce, luoghi ed episodi della propria giovinezza. Comincia un serrato dialogo tra l’innocenza, a volte un po’ crudele, di un io-bambino; la freddezza folle di un io-giovanissimo che, da ufficiale “nero”, si macchia di crimini efferati e la rassegnata consapevolezza dell’io-adulto che, approdato all’ autoconservazione, sa che “la propria pelle vale più di qualunque impulso pulito”.
Se l’orrore non si può cancellare, si può scegliere di chiuderlo nel più remoto angolo della propria coscienza.
Author: Mario Fratti
Categoria: Tag: Product ID: 1649

Descrizione

Uno dei quaderni neri è senza titolo… IL MIO DIARIO!… È incredibile aver dimenticato un diario. Ne ho solo un ricordo vaghissimo, cercando. Come se fosse stato un altro, un fratello, un amico ad avermene parlato una volta, in tempi lontani.

il libro

 

Un giorno qualunque, un uomo qualunque torna a casa dopo il lavoro. Quando si accorge di non sentirsi bene si mette a letto e, nella valigia che porta con sé da oltre dieci anni, scopre un diario; non si tratta, però, di un taccuino qualunque, ma di un diario proibito, scritto da lui stesso tra il 1944 e il 1945.
Un itinerario di formazione nella natia L’Aquila. Le pagine ingiallite raccontano all’uomo, ormai maturo, facce, luoghi ed episodi della propria giovinezza. Comincia un serrato dialogo tra l’innocenza, a volte un po’ crudele, di un io-bambino; la freddezza folle di un io-giovanissimo che, da ufficiale “nero”, si macchia di crimini efferati e la rassegnata consapevolezza dell’io-adulto che, approdato all’ autoconservazione, sa che “la propria pelle vale più di qualunque impulso pulito”.
Se l’orrore non si può cancellare, si può scegliere di chiuderlo nel più remoto angolo della propria coscienza.
l’autore

Mario Fratti è nato a L’Aquila il 5 luglio 1927. Dopo la laurea alla Ca’ Foscari di Venezia, si è occupato di poesie e di drammaturgia, scrivendo oltre 90 opere teatrali. Nel 1963 si è trasferito a New York, dove ha frequentato l’ “Actor’s Studio”. Le sue opere, tradotte in 20 lingue, sono state rappresentate in 600 teatri di tutto il mondo: dall’America all’Europa, dalla Russia alla Cina, dall’Argentina all’Australia. Fra le commedie e i musical creati da Mario Fratti, grande il successo di Nine – che ha vinto ben 7 Tony Awards, gli Oscar del teatro, poi diventato un film di successo – scritta nel 1981 e liberamente ispirata al film 8 1/2 di Fellini. Questo romanzo rappresenta l’inedita prima prova letteraria giovanile del famoso drammaturgo, emersa per davvero da una vecchia valigia.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 15 × 21 cm
ISBN

978-88-8346-380-8

USCITA

settembre 2013

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Diario proibito”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *