Lettere a mia figlia

10,00

Libro accattivante: si fa leggere con piacere. Può sembrare un testo comune di rapporto madre-figlia, invece è un romanzo articolato, variegato, pieno di verità. In una discussione “familiare” di vasto respiro s’innestano i problemi della “casa”; casa da rinnovare non solo nelle mura e negli ambienti, ma nell’intimo degli incontri e dei rapporti madre-padre-figli. «Ci ritroveremo tutti uniti con una nuova capacità di comunicare fra noi». Casa come flusso interiore della famiglia stessa, ma anche luogo dove rifugiarsi, appartarsi, isolarsi, per coltivare i propri sogni, per analizzare le proprie incertezze. Tutto ruota intorno a Tiziana, donna prima che madre, la quale scrive palpitanti lettere alla figlia come partecipazione di dubbi e conquiste, ma sempre in prospettiva di comunicazione, di gioia e crescita interiore.

Author: Concetta Coccia
Categoria: Tag: Product ID: 1917

Descrizione

Questo libro è la storia di una donna- moglie, madre, impiegata- dei suoi pensieri, dei suoi comportamenti, delle sue ferite, dei suoi entusiasmi, delle sue delusioni, dei suoi ideali.

La storia di piccolezze rese grandi dal sentimento, di banalità, di piccoli segreti, di affetti di grande respiro.

La storia di una vita raccontata alla figlia con ricchezza di particolari attraverso lettere vive e vibranti scritte nei ritagli di tempo. Una storia dove ogni azione, ogni riflessione acquista una vitalità sorprendente perchè animata dal desiderio-passione di comunicare la bellezza e la poesia dell’esistenza.

Renato Angelone

il libro

Libro accattivante: si fa leggere con piacere. Può sembrare un testo comune di rapporto madre-figlia, invece è un romanzo articolato, variegato, pieno di verità. In una discussione “familiare” di vasto respiro s’innestano i problemi della “casa”; casa da rinnovare non solo nelle mura e negli ambienti, ma nell’intimo degli incontri e dei rapporti madre-padre-figli. «Ci ritroveremo tutti uniti con una nuova capacità di comunicare fra noi». Casa come flusso interiore della famiglia stessa, ma anche luogo dove rifugiarsi, appartarsi, isolarsi, per coltivare i propri sogni, per analizzare le proprie incertezze. Tutto ruota intorno a Tiziana, donna prima che madre, la quale scrive palpitanti lettere alla figlia come partecipazione di dubbi e conquiste, ma sempre in prospettiva di comunicazione, di gioia e crescita interiore.

l’autore

Concetta Coccia, docente di lingua e letteratura inglese, vive a Napoli. Nel 1992 pubblica Fiori di Campo (Ferraro); nel 1995 il romanzo “Ritrovarsi” (Loffredo) con cui vince il premio Luigi Pirandello, il premio Giovanni Gronghi e il premio Emily Dickinson. Nel 2002 pubblica una raccolta di poesie Momenti (Loffredo): terzo premio città di Siracusa e terzo premio Emily Dickinson. Nel 2004 si fa promotrice e cura il premio letterario “John Keats”, riservato agli studenti delle scuole superiori della provincia di Napoli in collaborazione con le autorità scolastiche.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 13 × 19 cm
ISBN

978-88-8346-123-1

USCITA

marzo 2006

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lettere a mia figlia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *