Colloqui con mio padre

15,00

Ho sentito il silenzio insieme a lei (il cane Bella) nel bosco di Piana Romana. Ormai grande di tre anni, quando il sole aveva cessato di dardeggiare la Piana, si usciva per strada e mi facevo trascinare da lei che, con grande forza, inarcava il collo e tirava dritto verso un luogo che solo lei aveva in mente e, dopo un bel tratto di strada, strattonandomi, cominciava a correre nel bosco alla ricerca di un mondo impresso nel suo subconscio […] Poi, stanca dell’inutile ricerca e di sentire le infinite sfumature degli odori del bosco, si accovacciava tra le foglie secche mettendo la testa tra le zampe, con le orecchie tese ad ascoltare il silenzio. Fu allora che capii che cosa tu volevi dire quando nella prima ado- lescenza mi parlavi del silenzio della campagna. Ricordo che dicevi: «Ascolta, non è vero che il silenzio è assenza di suoni e di voci, il silenzio è fatto di voci, come il tremolio dei colori, delle luci e delle ombre, del respiro della terra e degli alberi, dell’erba tenera nata dopo la pioggia». Compresi, allora, che il silenzio, l’assenza dei suoni, non esiste neppure per i sordi.
Author: Maria Angela Bruno & Prisco Bruno
Categoria: Tag: , Product ID: 1652

Descrizione

“Io sento il silenzio” è forse questa la frase che meglio spiega questo testo, la vita difficile di una ragazza disabile dell’udito che passa dal non accettarsi al capire che per vivere non bisogna aver paura di lottare anche se il cammino è terribilmente complicato. Un libro che potrà aiutare i disabili dell’udito ad interagire con il mondo con più fiducia in se stessi.

il libro

 

Ho sentito il silenzio insieme a lei (il cane Bella) nel bosco di Piana Romana. Ormai grande di tre anni, quando il sole aveva cessato di dardeggiare la Piana, si usciva per strada e mi facevo trascinare da lei che, con grande forza, inarcava il collo e tirava dritto verso un luogo che solo lei aveva in mente e, dopo un bel tratto di strada, strattonandomi, cominciava a correre nel bosco alla ricerca di un mondo impresso nel suo subconscio […] Poi, stanca dell’inutile ricerca e di sentire le infinite sfumature degli odori del bosco, si accovacciava tra le foglie secche mettendo la testa tra le zampe, con le orecchie tese ad ascoltare il silenzio. Fu allora che capii che cosa tu volevi dire quando nella prima ado- lescenza mi parlavi del silenzio della campagna. Ricordo che dicevi: «Ascolta, non è vero che il silenzio è assenza di suoni e di voci, il silenzio è fatto di voci, come il tremolio dei colori, delle luci e delle ombre, del respiro della terra e degli alberi, dell’erba tenera nata dopo la pioggia». Compresi, allora, che il silenzio, l’assenza dei suoni, non esiste neppure per i sordi.

l’autore

Maria Angela Bruno, laureata in Giurisprudenza e in Scienze dell’Educazione, si è specializzata in Pedagogia Educativa per soggetti con problemi comportamentali e con disabilità sensoriale. Insegna diritto ed economia. Ha scritto: Proposte di interventi pedagogico-educativi per soggetti con problemi comportamentali e con disabilità sensoriale alla luce della pedagogia cognitiva neuromotoria.

 

Prisco Bruno, laureato in Giurisprudenza, ha insegnato diritto ed economia. Inoltre, è stato preside di scuola media superiore. Ha già pubblicato: Elementi di contabilità pubblica (Bucalo, 1977); Dizionario delle materie giuridiche (Edizioni Si- mone, 1999); Il dirigente scolastico Giano Bifronte dell’istituto pubblico scolastico – Le responsabilità (Litografia Cafieri, 1993); Corso post-diploma biennale di specializzazione per geometri e periti edili nell’area dell’assetto ecologico e territoriale, recupero edilizio e con- solidamento storico – Origini. Problemi. Valutazione (Litografia Cafieri, 1989).

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 15 × 21 cm
ISBN

978-88-8346-440-9

USCITA

novembre 2013

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Colloqui con mio padre”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *