In fondo per dormire… basta spegnere i perché!

12,00

Felice Romano racconta, come in un flusso di coscienza, il suo modo di vedere il mondo e il suo modo di intendere la vita partendo dalle piccole cose: un sorriso, il silenzio, il bianco e il nero, un vecchio sotto la pioggia, una bancarella di dolciumi.
Un vortice di riflessioni,  aforismi, poesie, semplici messaggi della buonanotte  in cui l’autore si mette a nudo, scrivendo dei suoi sogni, delle sue paure, dei suoi dubbi, che divengono il filo conduttore di un romanzo che si propone di spegnere… i nostri perché.
Author: Felice Romano
Categoria: Tag: Product ID: 1851

Descrizione

il libro

Felice Romano racconta, come in un flusso di coscienza, il suo modo di vedere il mondo e il suo modo di intendere la vita partendo dalle piccole cose: un sorriso, il silenzio, il bianco e il nero, un vecchio sotto la pioggia, una bancarella di dolciumi.
Un vortice di riflessioni,  aforismi, poesie, semplici messaggi della buonanotte  in cui l’autore si mette a nudo, scrivendo dei suoi sogni, delle sue paure, dei suoi dubbi, che divengono il filo conduttore di un romanzo che si propone di spegnere… i nostri perché.

l’autore

Felice Romano nasce a Napoli e da sempre dedica la sua vita alla musica. Nella sua carriera ha collaborato e suonato con i big della musica italiana ed ha all’attivo cinque album discografici.  Lui stesso si definisce “un raccoglitore di emozioni in un mondo di illusioni” e dice spesso che, prima di stupire gli altri, cerca di stupire se stesso in questo enorme gioco che è la vita. Una delle sue citazioni più famose è “scrivo musica per disegnare il mondo che vorrei”. La sua canzone “Ti chiedo perdono” riceve l’onorificenza da parte dell’Accademia Pontificia e la canzone “Cos’è la vita” diventa colonna sonora della “Festa mondiale della vita”.
Oltre a scrivere canzoni è autore di tantissimi aforismi e quattro romanzi inediti.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 13 × 19 cm
ISBN

9788883465895

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “In fondo per dormire… basta spegnere i perché!”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *