Mie belle lune perdute ovvero Cronaca di un dolore

10,00

Ann-Marie è una stimata giornalista che ricopre incarichi di prestigio. Ann-Marie è una bella donna. Nel 1986 viene aggredita dal cancro al seno. Mie belle lune perdute è la cronaca del suo dolore, il racconto delle giornate, dei pensieri, del lungo e faticoso percorso per l’accettazione, stilata da chi ha camminato a suo fianco nella sofferenza: suo marito. Ann-Marie, ora, è guarita e sta bene. La sua vicenda personale è una speranza per le donne che vivono la stessa esperienza dolorosa, un conforto per chi le ama e ne condivide la vita; e una fotografia, a volte impietosa, della classe medica italiana. “È difficile raccontare un dolore quando sono le parole di chi cammina a fianco della sofferenza a darne voce. È difficile raccontare un dolore con la serenità di chi lo ha vissuto, sperimentato, accettato come una nuova possibilità per dare testimonianza di un amore rivolto a chi ha sempre amato; dedicato a chi ha conosciuto uno stesso difficile destino; pensato per chi, scorato, non alza lo sguardo […] E quel dolore si apre alla vita e il racconto diventa cronaca, cronaca di un dolore, divenuto felice. Perché davanti agli occhi c’è ormai un mare quieto e su quella cicatrice e nel cuore è rispuntato un fiore.”

(Dalla prefazione di Umberto Veronesi)

Author: Alessandro Panini Finotti
Categoria: Tag: Product ID: 2099

Descrizione

il libro
Ann-Marie è una stimata giornalista che ricopre incarichi di prestigio. Ann-Marie è una bella donna. Nel 1986 viene aggredita dal cancro al seno. Mie belle lune perdute è la cronaca del suo dolore, il racconto delle giornate, dei pensieri, del lungo e faticoso percorso per l’accettazione, stilata da chi ha camminato a suo fianco nella sofferenza: suo marito. Ann-Marie, ora, è guarita e sta bene. La sua vicenda personale è una speranza per le donne che vivono la stessa esperienza dolorosa, un conforto per chi le ama e ne condivide la vita; e una fotografia, a volte impietosa, della classe medica italiana. “È difficile raccontare un dolore quando sono le parole di chi cammina a fianco della sofferenza a darne voce. È difficile raccontare un dolore con la serenità di chi lo ha vissuto, sperimentato, accettato come una nuova possibilità per dare testimonianza di un amore rivolto a chi ha sempre amato; dedicato a chi ha conosciuto uno stesso difficile destino; pensato per chi, scorato, non alza lo sguardo […] E quel dolore si apre alla vita e il racconto diventa cronaca, cronaca di un dolore, divenuto felice. Perché davanti agli occhi c’è ormai un mare quieto e su quella cicatrice e nel cuore è rispuntato un fiore.”

(Dalla prefazione di Umberto Veronesi)

l’autore
Alessandro Panini Finotti è nato a Verona ed è giornalista professionista dal 1962. Ha lavorato all’Agenzia Italia e al Messaggero, sempre occupandosi di economia e di problemi del lavoro. Sulle pagine del Messaggero, negli anni Settanta, ha usato per primo l’espressione “autunno caldo” destinata a diventare un comune modo di dire. Ha curato per più di un decennio l’immagine della Confagricoltura fornendo ai giornali spunti per belle storie di uomini, prodotti e animali. Vive in Umbria sul colmo di una collina che guarda Todi, e si affanna a raccogliere pietre
per costruire muri. Se la bella medievale Todi è stata definita “città ideale” lo si deve a lui. Il suo è stato un disinteressato dono d’amore, per tutti gli altri una fortunata operazione immobiliare.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 14 × 21 cm
ISBN

9788883465727

USCITA

marzo 2017 – II edizione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mie belle lune perdute ovvero Cronaca di un dolore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *