Te lo dico da Nobel

18,00

È il gennaio 2007 quando il neo-senatore Razzi compie il primo di una fortunata serie di viaggi in Corea del Nord. Comincia così, “con una risata”, il rapporto di amicizia che ancora oggi unisce Antonio Razzi e il paese di Kim Jong-un, ed è col sorriso che, in queste pagine dirette e  sagaci, tale rapporto viene raccontato.
Si tratta di un legame umano, prima che istituzionale, come quelli che Razzi sa instaurare con ogni suo interlocutore. Memorie pubbliche e private si intrecciano – dalla commozione condivisa con la moglie Maria Jesùs dinanzi a Papa Francesco alle trasferte in Oriente come “mediatore commerciale”, dalla nostalgia per la militanza berlusconiana alla tensione per la minaccia nucleare e il braccio di ferro tra USA e Nord Corea…
Tra un’argomentazione politica e un aneddoto calcistico, emerge il profilo di un uomo sempre e comunque coerente con se stesso, generoso e incline al dialogo, doti oggi tutt’altro che scontate. Un testimone del nostro tempo, insomma, che si racconta ancora una volta con garbo e autoironia, convinto che con l’ottimismo, l’empatia e una buona dose di faccia tosta si possa ottenere tutto. O quasi…

Author: Antonio Razzi
Categoria: Tag: Product ID: 2844

Descrizione

Quello che state per leggere, oltre a un bel libro, è la storia di un’amicizia. L’amicizia che lega il mio paese e un uomo della vostra nazione, il senatore Antonio Razzi.
Un rapporto che si è sviluppato nel tempo, all’insegna della conoscenza reciproca.

dalla prefazione di Kim Chon, capo della delegazione diplomatica della Repubblica Popolare Democratica di Corea a Roma (Italia)

il libro

È il gennaio 2007 quando il neo-senatore Razzi compie il primo di una fortunata serie di viaggi in Corea del Nord. Comincia così, “con una risata”, il rapporto di amicizia che ancora oggi unisce Antonio Razzi e il paese di Kim Jong-un, ed è col sorriso che, in queste pagine dirette e  sagaci, tale rapporto viene raccontato.
Si tratta di un legame umano, prima che istituzionale, come quelli che Razzi sa instaurare con ogni suo interlocutore. Memorie pubbliche e private si intrecciano – dalla commozione condivisa con la moglie Maria Jesùs dinanzi a Papa Francesco alle trasferte in Oriente come “mediatore commerciale”, dalla nostalgia per la militanza berlusconiana alla tensione per la minaccia nucleare e il braccio di ferro tra USA e Nord Corea…
Tra un’argomentazione politica e un aneddoto calcistico, emerge il profilo di un uomo sempre e comunque coerente con se stesso, generoso e incline al dialogo, doti oggi tutt’altro che scontate. Un testimone del nostro tempo, insomma, che si racconta ancora una volta con garbo e autoironia, convinto che con l’ottimismo, l’empatia e una buona dose di faccia tosta si possa ottenere tutto. O quasi…

l’autore

Antonio Razzi lascia l’Abruzzo nel 1965 emigrando a Emmenbrücke nel Canton Lucerna, in Svizzera, lavorando per l’attuale ditta tessile Tersuisse Multifils SA (allora Viscosuisse). Nel 1977 è socio fondatore del Centro Regionale Abruzzese di Lucerna. Nel 1985 ne diviene presidente fino al 2009. Fino al 2009 è anche presidente della Federazione Emigrati Abruzzesi in Svizzera (FEAS).
Alle elezioni politiche del 2006 viene eletto alla Camera dei deputati nella lista dell’Italia dei Valori nella Circoscrizione Estero – Europa e confermato alle elezioni politiche del 2008. Nel dicembre 2010, con l’avvicinarsi della votazione sulla mozione di sfiducia al Governo Berlusconi IV, Razzi lascia l’Italia dei Valori e passa a Noi Sud. Il 14 dicembre vota contro la mozione di sfiducia al Governo Berlusconi. Nel maggio 2011 viene nominato consigliere personale del Ministro dell’Agricoltura Francesco Saverio Romano, come lui del gruppo di Iniziativa Responsabile (i Responsabili).
Alle elezioni politiche italiane del 2013, viene candidato in quarta posizione di lista al Senato in Abruzzo per Il Popolo della Libertà ed è eletto. Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia.
Sposato con una donna di origine spagnola, è padre di due figli.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 14 × 21 cm
ISBN

9788883466991

USCITA

settembre 2019

PAGINE

112

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Te lo dico da Nobel”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *